PULFERO E LA SUA VALLE

Questo sentiero ci porta alla scoperta di alcuni aspetti  naturalistici, storici e culturali delle Valli del Natisone.  La grotta di San Giovanni d’Antro con la sua caratteristica chiesetta e le sue leggende. Sempre storia e leggenda a Biacis con la Chiesetta di San Giacomo e Sant’Anna  e il Castello di Ahrensperg  (Castello dell’aquila ). Il sentiero è adatto a: Scuola primaria (Elementare)  – Classi: 1°, 2°, 3°, 4°, 5°;  Scuola secondaria di Primo grado (Media) – Classi: tutte; Scuola secondaria di Secondo grado (Superiori) – Classi: tutte; Famiglie.



Guarda il Sentiero “PULFERO E LA SUA VALLE” sul nostro sito

IL BOSCO DEGLI ALBERONI

Il percorso che proponiamo, nel quale ogni anno fra l’altro si effettua una marcia non competitiva alla fine della scuola, si svolge in un piccolo territorio, ma ricchissimo di biotopi e svariati paesaggi; passerete infatti da un bosco planiziale ad una zona dove si incontrano campi coltivati e campi rinaturalizzati, vedrete acque libere ed acque costrette a correre in canali, un fiume di risorgiva ed infine il mare. Questo sentiero è adatto a tutte le classi della Primaria, della Secondaria di Primo e Secondo grado e alle famiglie



Guarda il Sentiero “IL BOSCO DEGLI ALBERONI” sul nostro sito

La ciclabile transfrontaliera da San Candido a Lienz

La pista ciclabile San Candido – Lienz è la pista ciclabile per eccellenza della provincia di Bolzano che, oltrepassando il vecchio confine italo-auatriaco,  porta alla cittadina austriaca di Lienz. E’ una tracciato molto conosciuto e sono migliaia le persone che nel corso dell’estate percorrono i 43 chilometri che separano le due località.
Il  suo tracciato  si snoda, quasi tutto in piano o discesa, lungo il fiume  Drava  seguendone il percorso ora lento nella prima parte nell’ampia vallata di  San Candido. A cura di Pierino Damiani.



Guarda il Sentiero “La ciclabile transfrontaliera da San Candido a Lienz” sul nostro sito

La Passeggiata delle Roggie

l percorso ciclabile che proponiamo si chiama La Passeggiata delle Rogge
La nostra pedalata famiglia si svolge tra San Bernardo – Godia, a Nord di Udine e arriva a Zompitta, una frazione di Reana del Rojale.
E’ un tratto di un percorso più lungo che scende fino a Udine – San Gottardo e sale con un anello fino a Tricesimo.


Guarda il Sentiero “La Passeggiata delle Roggie” sul nostro sito

PORTE APERTE ALL’AGEMONT

“Agemont” significa Agenzia per lo Sviluppo Economico della Montagna: si tratta di una società per azioni della regione autonoma Friuli Venezia Giulia, costituita con legge regionale 36/87 ed operativa dal 1989.
La società ha lo scopo di promuovere l’avvio di nuove iniziative economiche e di favorire la valorizzazione delle risorse umane e materiali dei territori di montagna. Questi obiettivi vengono perseguiti attraverso varie attività:

L’Acquario d’acqua dolce di Paolo Solimbergo

L’acquario permanente delle specie d’acqua dolce “Paolo Solimbergo” è stato riattivato, dopo dei lavori di ristrutturazione, nel 1999. L’obiettivo dell’attività di questo istituto è primariamente quello di sostenere la ricerca scientifica e la divulgazione rispetto ai temi del ripopolamento, del ripristino ambientale e della conservazione delle zone umide. Si propone inoltre di regolamentare le norme riguardanti la pesca sportiva e, infine, di svolgere attività didattica per favorire la conoscenza delle specie ittiche d’acqua dolce della nostra regione.
La struttura comprende un laboratorio di idrobiologia e l’acquario vero e proprio. Questo sentiero è adatto alle Classi:  Secondo ciclo della Scuola Primaria

Mulini e Meridiane

Questo itinerario ciclabile si svolge in un territorio della Bassa Pianura Friulana, in Provincia di Udine, bagnato da acque di rogge e di risorgiva, di particolare interesse dal punto di vista culturale e paesaggistico.
Inizia dalla città stellata di Palmanova, attraversa le località di Jalmicco, Visco, Joannis di Aiello del Friuli, Borgo Novacco, Alture e Saciletto di Ruda, Perteole di Ruda, Aiello del Friuli, il borgo medioevale di Strassoldo, Privano di Bagnaria Arsa, per poi terminare a Palmanova. A cura di Graziella Bonin



Guarda il Sentiero “Mulini e Meridiane” sul nostro sito

Le ippovie

Questo è un percorso naturalistico, di particolare interesse, per la valorizzazione turistica della Valle del torrente Cormor; si può iniziare dal Parco del Cormor, situato a nord di Udine ed attraversando località situate nei Comuni di Tavagnacco, Pagnacco, Tricesimo, Colloredo di Monte Albano, Cassacco, Treppo Grande si può raggiungere Buia. A cura di Graziella Bonin.



Guarda il Sentiero “Le ippovie” sul nostro sito

CAMMINANDO PER UDINE

Il percorso  ha inizio in piazza I Maggio (Giardin Grande) dove è possibile trovare sia parcheggio per auto e pullman, sia luogo di sosta e ristoro utilizzando l’area verde attorno alla fontana centrale. Prosegue poi salendo al Castello e quindi ci porta a visitare il Centro storico cittadino (Mercato Vecchio, Mercato Nuovo, Chiesa di San Giacomo, il Palazzo comunale e la Loggia del Lionello. Rappresenta una facile passeggiata alla scoperta del centro storico di Udine. Questo sentiero è adatto a: Scuola primaria (Elementare)  – Classi: 4°, 5°; Scuola secondaria di Primo grado (Media) – Classi: tutte; Scuola secondaria di Secondo grado (Superiori) – Classi: tutte; Famiglie.



Guarda il Sentiero “CAMMINANDO PER UDINE” sul nostro sito

Grado Punta – Sdobba – Foci dell’Isonzo

E’ un percorso molto affascinante per la particolarità dei luoghi che ne fanno da cornice, da una parte il mare dall’altra la terraferma. Qui incontriamo moltissimi ambienti della costa bassa-lagunare fino ad arrivare all’estuario della foce dell’Isonzo.Si tratta di un itinerario che permette di abbinare ad una leggera pedalata anche il “birdwatching”, l’osservazione degli uccelli che qui nidificano regolarmente e, tra i quali, anche ospiti inconsueti come i fenicotteri, le cicogne e i pellicani.